Pesce crudo: storia e tradizioni

mangiare Pesce crudo storia tradizioniAttualmente viviamo in una società che ci invita a consultare cibi veloci nei fast food, cibi spazzatura e pensare di poter mangiare del pesce crudo a volte pare essere una novità portata dall’Oriente. Tuttavia non tutti sanno che l’arte culinaria del servire pesce crudo è un’abitudine antica nostrana.
Basta fermarsi a riflettere un attimo per rendersi conto che in realtà l’uomo, fin dalla notte dei tempi, si alimentava con cibi crudi millenni prima che venissero studiate e sviluppate specifiche modalità di cottura e conservazione di pesce, carne o verdure.

Si può asserire tuttavia che se per quanto riguarda la carne cruda l’unica modalità sopra vissuta sia il carpaccio che si ottiene marinando la carne nel limone, per quanto riguarda il pesce invece continua ad essere consumato crudo in diversi modi.
In Italia ormai ha preso piede da diversi anni il proliferarsi di esercizi commerciali di ristorazione che si occupano unicamente del servire questo nobile alimento dalle proprietà nutrizionali notevoli.

La tradizione della cucina del pesce crudo

Tutte le nazioni posseggono ricette tradizionali uniche che caratterizzano il luogo in cui si mangia. Così se andiamo in Russia lo si consumerà in un modo, in Grecia in un altro e in Italia in altri ancora. In Calabria è noto il pesce stocco servito crudo e con diverse ricette succulente. In Emilia c’è una tradizione importante di pesce servito crudo che rendono la cucina emiliana la più tipica e caratteristica dell’Italia settentrionale.

Nella tradizione italiana si mangia pesce crudo

Anche se il primo pensiero che viene in mente quando si sente parlare di pesce crudo va al sushi, al Giappone e all’Oriente, al famoso cibo degli Dei che da lontano è approdato anche in occidente, in realtà la tradizione italiana è antica quanto quella orientale e di sicuro non ha niente da imparare né da invidiare alla cucina nipponica. La nostra dieta mediterranea infatti, studiata e ricercata in tutto il mondo, prevede l’assunzione regolare per almeno due o tre volte a settimana di pesce che contiene tutti i nutrienti necessari a garantire il mantenimento della salute del proprio organismo. Il pesce è ricco di fosforo, vitamine e proteine e soprattutto è ricco di omega 3, un vero toccasana per la salute.

Perché mangiare pesce crudo?

Il pesce è l’alimento più ricco dal punto di vista nutrizionale. Ed eccelle in contenuto di vitamine utili per la nostra salute (B1, B2, B5, E). Vitamine che però rischiano di subire alterazioni dalla cottura, per questo la cosa migliore che si possa fare per beneficiare di tutti gli oligoelementi necessari è assumere razioni crude. Tuttavia deve essere mangiato crudo solo se si è sicuri che siano stati abbattuti per eliminare i batteri che si nascondono dentro gli alimenti di tipo animale.

Quale pesce crudo si può consumare?

Tutti i pesci possono essere consumati crudi dopo l’abbattimento dei batteri. È ottimo il tonno, sublime il salmone, fantastiche le alici marinate ed eccelso lo stocco. Le alici marinate sono semplicissime da preparare sia a casa e di alta cucina servite al ristorante. Si devono prendere, deliscare, pulire e una volta abbattute (se le compri nelle pescherie e nei centri commerciali generalmente lo sono già) si fanno marinare nell’aceto. Dopo un giorno si possono condire con olio, sale e spezie.

Se ti abbiamo convinto a gustare del pesce crudo… allora non puoi far altro che passare a trovarci per assaggiare uno dei fantastici piatti di Cruditè preparati dal nostro Chef Patrick Mancini.

CHIAMACI ORA E PRENOTA IL TUO PRANZO O CENA!
CHIAMA ORA 0541676550 SIAMO IN VIA POPILIA 298 RIMINI.